Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni

...

22/09/2021

Svolgimento

Da ottobre di ogni anno parte il Censimento permanente della popolazione e delle abitazioni. L'Istat rileva, con cadenza annuale e non più decennale, le principali caratteristiche della popolazione dimorante sul territorio e le sue condizioni sociali ed economiche a livello nazionale, regionale e locale. La conclusione della prevista è prevista per dicembre, salvo comunicate da Istat

 

A chi è rivolto

A differenza dei censimenti del passato, il Censimento permanente non coinvolge tutto il territorio, tutti i cittadini, tutte le abitazioni, ma di volta in volta solo una parte di essi, ovvero dei campioni rappresentativi: circa un milione e 400 mila famiglie, residenti in 2.850 comuni italiani. Solo una parte dei comuni è interessata ogni anno dalle operazioni censuarie, mentre la restante è chiamata a partecipare una volta ogni 4 anni. In questo modo tutti i comuni trasporti, almeno una volta, alle rilevazioni censuarie. Grazie all'uso integrato di rilevazioni statistiche campionarie e dati provenienti da fonti amministrative, il Censimento permanente della popolazione è in grado di restituire annualmente informazioni che rappresentano l'intera popolazione, ma anche di contenere i costi e il disturbo statistico famiglie sulle.L’istata chiede la collaborazione di tutte le famiglie selezionate. Partecipare al Censimento è un’opportunità per contribuire alla buona riuscita della rilevazione, ma anche un obbligo di legge.

 

È obbligatorio rispondere alla rilevazione?

Rispondere è obbligatorio, come previsto dal Programma Statistico Nazionale. Per legge, l’obbligo interessa i singoli componenti delle famiglie censite, che devono compilare e trasmettere, in modo completo e veritiero, il questionario predisposto dall’Istat.

 

In caso di mancata osservanza di tale obbligo è prevista una sanzione?

Se i cittadini intervistati non rispondono alle domande per cui hanno l’obbligo di risposta, possono ricevere una sanzione, come previsto dalla legge.

 

La compilazione del questionario garantisce il segreto statistico sui dati raccolti?

I dati raccolti possono essere utilizzati solo per fini statistici e non possono essere comunicati ad altre istituzioni o persone, se non elaborati e pubblicati sotto forma di tabelle e in modo tale che non sia possibile alcun riferimento a persone identificabili.

 

 

 

È tutelata la riservatezza dei dati raccolti?

La riservatezza è tutelata e garantita da tre fattori: il segreto statistico, il regolamento europeo (normativa GDRP) e la legge italiana (Codice in materia di protezione dei dati personali e successive integrazioni). L’Istat può usare i dati raccolti solo a fini statistici, pubblicandoli sotto forma di tabelle, che non consentono in alcun modo di fare riferimenti a persone identificabili.

 

Rilevatori

I rilevatori potranno fornire spiegazioni sul censimento, intervistare le famiglie familiari per insieme il questionario on, fornire il centro Comunale di linea compilare dove famiglie potranno ricevere per ricevere l'intervista da parte di un operatore.

Nello svolgere le operazioni di Censimento porta a porta, il Rilevatore sarà munito di tesserino di riconoscimento.

I rilevatori che operano a RONAGO si chiamano ROBERTO SOMAINI e SIMONE TURETTA.

 

Informazioni e chiarimenti

Per informazioni e chiarimenti è possibile rivolgersi a: