Comunicato del Sindaco del 10 Gennaio 2021

Data:
24 Novembre 2020
Immagine non trovata

                                                             IL SINDACO
                                                              INFORMA
     che i dati raccolti tramite il portale di ATS Insubria indicano che, a Ronago, ci sono attualmente 5 persone positive al COVID 19 curati prevalentemente a casa e con pochi sintomi. Non ci sono persone in quarantena preventiva segnalati come contatti diretti mentre sono 68 le persone guarite e 2 le persone decedute dall’inizio della pandemia.
   A nome dell’Amministrazione Comunale e di tutta la Comunità di Ronago esprimo la nostra vicinanza a tutti i concittadini coinvolti e ai loro famigliari.


  ATS Insubria ha attivato tutti i protocolli previsti dal Ministero della Salute e da Regione Lombardia al fine di contrastare e contenere la possibile diffusione del virus. Poiché i numeri di questi giorni tra Como e Varese sono davvero tantissimi, non sempre ATS Insubria è in grado di comunicare con tempestività. Invito pertanto tutti i cittadini che risultassero positivi o soggetti a quarantena di comunicarlo al COC (Centro Operativo Comunale) istituito presso il Comando di Polizia Locale dell’Unione dei Comuni Lombarda Terre di Frontiera chiamando il numero 031.803145 o scrivendo una mail a: protezionecivile@terredifrontiera.co.it.
In questo modo saremo in grado di intervenire nel più breve tempo possibile a sostegno di quei nuclei famigliari che possono trovarsi in difficoltà nella gestione delle necessità quortidiane.


   Da oggi al 15 gennaio 2021 la Lombardia è inserita in zona arancione (livello di rischio alto) dove è vietato uscire dal proprio comune se non per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necesssità o motivi di salute. In questi giorni sarà consentito uscire per andare in visita nelle abitazioni di parenti e amici purchè le persone che si spostano non siano più di due a meno che non portino con loro figli minori di 14 anni o persone disabili. Lo spotamento verso le abitazioni private è consentito una volta sola al giorno in un arco temporale compreso fra le ore 5 e le ore 22.
   E’ rimasta la “deroga per i piccoli comuni”: sarà consentito uscire dal territorio dei piccoli comuni al di sotto dei 5000 abitanti in cui è compreso Ronago entro un raggio di 30 chilometri ma non si potrà andare a Como (comune capoluogo).
   Resta sempre consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

 

   Fatto salvo quanto previsto, continua ad essere fortemente raccomandato di non invitare a casa propria persone non conviventi così come di non creare assembramenti all’aperto.
   Sono chiusi i bar, i ristoranti, le gelaterie e le pasticcerie che potranno gestire l’asporto e la consegna a domicilio mentre rimangono aperti negozi, farmacie, parafarmacie, edicole, tabacchi, parrucchieri e barbieri e centri estetici. Nei gironi festivi e prefestivi sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali ad eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, negozi di generi alimentari, punti vendita di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi ed edicole.
   La didattica sarà in presenza per la scuola dell’infanzia e per quella primaria (elementari e medie) mentre si prosegue con la didattica a distanza fino al 24 gennaio nelle scuole superiori.
   L’accesso agli uffici comunali è consentito previo appuntamento telefonico (031.980043) o via mail servizidemografici@comune.ronago.co.it nei seguenti giorni ed orari: lunedì, martedì, giovedì, venerdì 8 – 10, mercoledì 16.00 – 18.00, sabato 9 -12.


   Continua ad essere chiaro a tutti quanto sia ancora necessario porre la massima attenzione perché la nostra vita continua ad essere affiancata da questo compagno di viaggio imprevisto e non voluto. Ed è proprio per questo che, al di là dei numeri che ogni giorno risuonano nelle nostre abitazioni, rinnovo l’invito a mantenere un comportamento responsabile e a rispettare le misure di prevenzione previste per impedire un ulteriore diffondersi del virus, a partire dal rispetto delle misure igienico-sanitarie, indossando la mascherina e lavandosi frequentemente le mani e dalla riduzione dei contatti fisici interpersonali, mantenendo il distanziamento e rimanendo nelle proprie abitazioni.

 

   Il vaccino, che ci fa intravedere una probabile attenuazione dei sacrifici che tutti stiamo facendo, è arrivato e, nei prossimi mesi, saremo tutti invitati a farlo. E’ un altro modo di mostrarsi responsabili non solo verso se stessi ma soprattutto verso chi ci sta accanto. Continuare ad osservare le norme sarà solo ed esclusivamente un vantaggio non solo per noi ma anche per i nostri familiari, i nostri nonni, i nostri bambini, i nostri amici e per tutte le persone che stanno “dando la loro vita” come medici ed infermieri perché si possa tornare presto ad una agognata normalità.

 

Ronago, 10 gennaio 2021                                       Il Sindaco
                                                                       (Agostino Grisoni)

Ultimo aggiornamento

Giovedi 14 Gennaio 2021